ROMULAN
Regolatore di crescita per pomacee (melo e pero), drupacee (pesco, nettarino, susino e ciliegio), vite, cachi e mandorlo.

Composizione

  • Paclobutrazol (23.6% » 250.0 g/l)

Caratteristiche

Formulazione: SOSPENSIONE CONCENTRATA

Classificazione CLP:

  • ATTENZIONE
  • GHS08-A
  • GHS09-A

N. registrazione: 16485, 24/11/2015

Colture Intervallo di sicurezza Avversità
Ciliegio dolce e acido
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
non necessario
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per influenzare positivamente la formazione di gemme a fiore e la resa del raccolto finale: applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Miglioramento qualità frutti (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Loti (kaki)
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
non necessario
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per influenzare positivamente la formazione di gemme a fiore e la resa del raccolto finale: applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino a BBCH 57 (petali appena visibili). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino a BBCH 57 (petali appena visibili). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Miglioramento qualità frutti (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino a BBCH 57 (petali appena visibili). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Mandorlo
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
non necessario
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per influenzare positivamente la formazione di gemme a fiore e la resa del raccolto finale: applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Applicare il prodotto prima della fase fenologica BBCH 72 (caduta calice). Inoltre, nell’impiego sulla coltura, per proteggere le api e gli altri insetti impollinatori non applicare durante la fioritura e non applicare in presenza di piante infestanti in fiore. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Applicare il prodotto prima della fase fenologica BBCH 72 (caduta calice). Inoltre, nell’impiego sulla coltura, per proteggere le api e gli altri insetti impollinatori non applicare durante la fioritura e non applicare in presenza di piante infestanti in fiore. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Miglioramento qualità frutti (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Applicare il prodotto prima della fase fenologica BBCH 72 (caduta calice). Inoltre, nell’impiego sulla coltura, per proteggere le api e gli altri insetti impollinatori non applicare durante la fioritura e non applicare in presenza di piante infestanti in fiore. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Melo
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
60 giorni
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:200 ml/Ha) Per favorire la formazione di geme a fiore e la resa del raccolto finale: applicare il prodotto per via fogliare alla dose indicata, effettuando al massimo 4 trattamenti con un intervallo di 7 giorni l'uno dall'altro. Eseguire la prima applicazione durante lo sviluppo del frutto, dalla allegagione in poi (BBCH 73). Lasciare un intervallo di sicurezza tra l'ultimo trattamento e la raccolta di 60 giorni. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:200 ml/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto per via fogliare alla dose indicata, effettuando al massimo 4 trattamenti con un intervallo di 7 giorni l'uno dall'altro. Eseguire la prima applicazione durante lo sviluppo del frutto, dalla allegagione in poi (BBCH 73). Lasciare un intervallo di sicurezza tra l'ultimo trattamento e la raccolta di 60 giorni. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Miglioramento qualità frutti (Dose su ettaro:200 ml/Ha) Applicare il prodotto per via fogliare alla dose indicata, effettuando al massimo 4 trattamenti con un intervallo di 7 giorni l'uno dall'altro. Eseguire la prima applicazione durante lo sviluppo del frutto, dalla allegagione in poi (BBCH 73). Lasciare un intervallo di sicurezza tra l'ultimo trattamento e la raccolta di 60 giorni. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Pero
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
60 giorni
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:200 ml/Ha) Per favorire la formazione di geme a fiore e la resa del raccolto finale: applicare il prodotto per via fogliare alla dose indicata, effettuando al massimo 4 trattamenti con un intervallo di 7 giorni l'uno dall'altro. Eseguire la prima applicazione durante lo sviluppo del frutto, dalla allegagione in poi (BBCH 73). Lasciare un intervallo di sicurezza tra l'ultimo trattamento e la raccolta di 60 giorni. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:200 ml/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto per via fogliare alla dose indicata, effettuando al massimo 4 trattamenti con un intervallo di 7 giorni l'uno dall'altro. Eseguire la prima applicazione durante lo sviluppo del frutto, dalla allegagione in poi (BBCH 73). Lasciare un intervallo di sicurezza tra l'ultimo trattamento e la raccolta di 60 giorni. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Miglioramento qualità frutti (Dose su ettaro:200 ml/Ha) Applicare il prodotto per via fogliare alla dose indicata, effettuando al massimo 4 trattamenti con un intervallo di 7 giorni l'uno dall'altro. Eseguire la prima applicazione durante lo sviluppo del frutto, dalla allegagione in poi (BBCH 73). Lasciare un intervallo di sicurezza tra l'ultimo trattamento e la raccolta di 60 giorni. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Pesco-nettarine-percoche
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
non necessario
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per influenzare positivamente la formazione di gemme a fiore e la resa del raccolto finale: applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Miglioramento qualità frutti (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Susino
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
non necessario
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per influenzare positivamente la formazione di gemme a fiore e la resa del raccolto finale: applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Miglioramento qualità frutti (Dose su ettaro:0,8 l/Ha) Applicare il prodotto, seguendo la dose ed i volumi indicati, in impianti dotati di sistemi d'irrigazione a goccia. Sciogliere la dose prevista da applicare per ogni albero in 250-500 ml d’acqua e distribuire la soluzione proporzionalmente al numero di gocciolatoi di ogni albero. Si consiglia di irrigare prima del trattamento, per formare un piccolo ristagno sotto i gocciolatoi. Eseguire i trattamenti a partire dallo stadio di gemme invernali (BBCH 10) fino allo stadio di bottoni rosa (BBCH 57). Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Vite per uva da tavola
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
non necessario
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per influenzare favorevolmente la resa del raccolto: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Riduzione cascola (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per evitare la caduta dei fiori: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Vite per uva da tavola
(difesa - ambito d'impiego: in serra - modo di coltivazione: produzione)
non necessario
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per influenzare favorevolmente la resa del raccolto: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Riduzione cascola (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per evitare la caduta dei fiori: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
Vite per uva da vino
(difesa - ambito d'impiego: in pieno campo - modo di coltivazione: produzione)
non necessario
  • Aumento produzione (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per influenzare favorevolmente la resa del raccolto: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Sulla coltura non miscelare il prodotto con fungicidi della famiglia dei triazoli. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Brachizzante (regolazione vigoria) (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per ridurre la lunghezza dei germogli: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Sulla coltura non miscelare il prodotto con fungicidi della famiglia dei triazoli. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.
  • Riduzione cascola (Dose su ettaro:0,2-0,25 l/Ha) Per evitare la caduta dei fiori: applicare il prodotto per via fogliare, seguendo la dose ed i volumi indicati, in pre-fioritura (circa 2 settimane prima dell'inizio della stessa). L'applicazione del preparato si può far coincidere con i normali trattamenti contro Peronospora e Oidio. Sulla coltura non miscelare il prodotto con fungicidi della famiglia dei triazoli. Non impiegare il prodotto in presenza di vento al fine di evitare la deriva del prodotto a colture limitrofe. Piante di grandi dimensioni o molto vigorose possono essere più difficili da mantenere sotto il controllo e i risultati possono risultare insoddisfacenti. Non utilizzare il prodotto su alberi che presentano scarsa vigoria, crescita stentata o sotto stress. I trattamenti con il preparato possono favorire un anticipo della fioritura. Per assicurare l'impollinazione incrociata, devono anche essere trattati gli alberi impollinatori. Non impiegare il fitoregolatore l'anno precedente l'estirpazione della coltura. La coltivazione di cereali l'anno successivo non presenta problemi, mentre per la messa a dimora di altre colture si raccomanda di eseguire una prova su piccola scala. Non effettuare trattamenti con il preparato, su piante giovani appena messe a dimora che di solito richiedono uno sviluppo vegetativo vigoroso. Non usare il prodotto su impianti della coltura che prevedono coltivazioni intercalate di piante annuali. Se per un qualsiasi motivo si genera un controllo eccessivo della vigoria delle piante, si raccomanda non riapplicare il prodotto fino a quando le piante non abbiano recuperato il vigore desiderato.

Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto.

Powered by Image Line®