News

I mille volti di... captano 22/09/2011

Dopo quasi mezzo secolo di impiego, il captano continua a rappresentare un valido riferimento tecnico soprattutto sui fruttiferi

I mille volti di... captano

Un maturo signore, con una profonda esperienza nel controllo di molte patologie delle colture agrarie. Questo è in sintesi il captano, fungicida organico della famiglia delle phthalimidi. Messo a punto e registrato per la prima volta in America, il captano si sta infatti avvicinando al compimento del suo cinquantesimo compleanno, essendo stato sviluppato nella prima metà degli Anni 60. In Italia la prima registrazione risale al 1971 e da allora numerose altre l'hanno seguita. Fungicida che agisce principalmente per contatto, il captano possiede una lunga persistenza d'azione esplicando al contempo alcuni benefici effetti collaterali, come lo stimolo del vigore vegetativo e della cicatrizzazione di tessuti lesionati da fattori esterni come per esempio la grandine.
I formulati a base di captano sono utilizzati con profitto soprattutto nei programmi di difesa dei fruttiferi. Sulle pomacee il captano è attivo nei confronti della Ticchiolatura e su pero rappresenta uno mezzo efficace anche contro i danni da Alternaria. Dotato di un certo effetto cosmetico sulla buccia dei frutti, viene consigliato anche nei trattamenti di chiusura, possedendo peraltro un buon grado di controllo anche su alcune malattie di post-raccolta. L’impiego su drupacee è invece utile su Bolla e Monilia. Su queste colture viene impiegato anche in trattamenti invernali e primaverili, svolgendo anche un’azione significativa nel controllo di Nectria, Fusicocco e Corineo. Sebbene quindi la stagione fitosanitaria dei fruttiferi stia volgendo al termine, qualche uso di captano può essere ancora pianificato nei prossimi mesi.

 

I formulati

 

Al momento risultano in commercio 11 formulati a base di captano. Le loro classificazioni non sono favorevoli, essendo tutte "Xn" oppure "T", quindi richiedono il possesso del patentino per l'acquisto. I formulati granulari all'80% di sostanza attiva vanno per la maggiore, ma non mancano le paste fluide e si può trovare anche una polvere bagnabile. Tra i granulari si possono citare ad esempio Merpan 80 WDG, distribuito da Makhteshim Agan Italia; Captane 80 DF, distribuito da Chemia; Sarcap 80 WG, distribuito da Gowan Italia; Tetracap 80 DG, distribuito da Agriphar Italia. L'unica polvere bagnabile in commercio risulta Clomitane, commercializzato da Chimiberg.

 

Nota: i formulati citati nel presente articolo sono stati attinti dalla banca dati Fitogest.com, selezionando quelli che avessero materiali divulgativi scaricabili a beneficio di eventuali approfondimenti da parte del lettore. Per visualizzare invece tutti i formulati a base di captano riportati in banca dati cliccare qui

 

Powered by Image Line®